mercoledì 12 ottobre 2011

il percorso del corteo del 15 ottobre




APPELLOIL 15 OTTOBRE SARÀ UNA GIORNATA EUROPEA E INTERNAZIONALE DI MOBILITAZIONE
“gli esseri umani prima dei profitti, non siamo merce nelle mani di politici e banchieri,
chi pretende di governarci non ci rappresenta, l’alternativa c’è ed è nelle nostre mani, democrazia reale ora!”
Commissione Europea, governi europei, Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale,  multinazionali e poteri forti ci presentano come dogmi intoccabili il pagamento del debito, il pareggio del bilancio pubblico, gli interessi dei mercati finanziari, le privatizzazioni, i tagli alla spesa, la precarizzazione del lavoro e della vita.

Sono ricette inique e sbagliate, utili a difendere rendite e privilegi, e renderci tutti schiavi. Distruggono il lavoro e i suoi diritti, i sindacati, il contratto nazionale, le pensioni, l’istruzione, la cultura, i beni comuni, il territorio, la società e le comunità, tutti i diritti garantiti dalla nostra Costituzione. Opprimono il presente di una popolazione sempre più impoverita, negano il futuro ai giovani.
Non è vero che siano scelte obbligate. Noi le rifiutiamo. Qualunque schieramento politico le voglia imporre, avrà come unico effetto un’ulteriore devastazione sociale, ambientale, democratica. Ci sono altre strade, e quelle vogliamo percorrere, riprendendoci pienamente il nostro potere di cittadinanza che è fondamento di qualunque democrazia reale
Informazioni sulla manifestazione del 15 ottobre:


Lista in continuo aggiornamento sui bus e treni organizzati per raggiungere Roma in occasione della giornata dell'indignazione popolare del 15 ottobre 2011. Inserite nei commenti a questo post ulteriori informazioni logistiche e/o segnalatelo sulla pagina facebook

SUD ITALIA E ISOLE

Palermo

Catania
 

19 commenti:

aerdna ha detto...

...W L´ISLANDA...

delta ha detto...

potere al popolo e non ai ricchi porci

ErPatata ha detto...

Sono decisamente contrario alla manifestazioni che si snodano per la città senza alcun senso e direzione.
Siamo incazzati, Indignati, quindi è giusto che la nostra Indignazione sia riposta verso Chi ha provocato tutto ciò: soluzione unica, quella di andare a presidiare i punti nevralgici della città impedendogli di continuare le loro attività mafiose!

BIBE ha detto...

MA NON DOVEVAMO ANDARE A MANIFESTARE A MONTECITORIO?

dan ha detto...

credo che improvvisare una modifica di percorso sia la cosa più giusta da fare. spiazzare rendendoci imprevedibili e incontrollabili. e poi... si dovrebbero unire a manifestare anche i polizziotti usati come scudo, visto che loro hanno molto da lamentarsi.

delta ha detto...

perche continuano a chiedere fiducia a loro stessi e non al popolo?pensateci e ora di farli sparire questi delinquenti!!!!!

-xXx- ha detto...

@dan: hanno molto da lamentarsi a partire dal fatto che poliziotti si scrive con una sola zeta...

Delfo ha detto...

ma che senso ha arrivare a piazza san giovanni?

Kalsifer ha detto...

Gaetano Ferrieri: (parte 2/2) Intervista del 12/10/2011 rilasciata in esclusiva per Limen23Reporter

Mr. Tambourine ha detto...

Si spacca tutto?

www.ciclofrenia.it

soraonline ha detto...

pure da Sora www.ilverdastro.it

@enio ha detto...

ritengo giusto che i cittadini non debbano pagare le crisi innescate dale banche, ma ritengo anche che questa e semplice e pura UTOPIA

prometeo56 ha detto...

se non si va a montecitorio, il corteo si sminuisce, spero non diventi un flop

paolocio ha detto...

il corteo sarà formato anche da tante famiglie con bambini e anziani, saranno centinaia di migliaia di persone ... pretendere che questa gente possa andare a infilarsi nei budelli che portano a montecitorio, nella cui piazza entreranno si e no 10000 persone mi sembra assurdo, piazza S.Giovanni è l'unica a Roma in grado di contenere una tale marea umana

Silvana ha detto...

che c'entra, il corteo si muove, mica sta fermo tutto il tempo nello stesso punto.
Secondo me doveva passara per Corso Vittorio Emanuele davanti alla sede del nostro beneamato PM.

sandavi ha detto...

Il fatto che si finisca in Piazza S. Giovanni la dice lunga sul colore che alcuni daranno alla manifestazione.. che pena. Gli stessi che hanno coperto lo schifo di B. e che per anni hanno usufruito dei benefici della casta contro la quale ora vorrebbero(?)protestare.. ma va!

Donne e basta ha detto...

PROPOSTA PER LE DONNE ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE del 15 OTTOBRE: APPUNTAMENTO h.13,30 alla Fontana delle Naiadi, in piazza della Repubblica, per creare un' "ala" femminile del corteo che esprima la nostra indignazione con le nostre parole d'ordine. In altre parole per organizzare una partecipazione delle donne come cittadine, ma anche come soggetto politico. La piattaforma dell'evento globale, che pure esprime una condivisibile indignazione, ha trascurato una lettura al femminile dei temi per noi più importanti, e a maggior ragione li dobbiamo ribadire. Resta fermo, come sempre, il rispetto delle specificità e differenze di ciascuna. QUI l'evento su facebook: https://www.facebook.com/event.php?eid=169045556514271

Aldus ha detto...

Non basta un giorno soltanto! Da oggi occorre presidiare Montecitorio dandoci il cambio giorno dopo giorno.

dan ha detto...

caro anonimo... la fretta fa i figli ciechi e mi è scappata una z di più... vorrà dire che ci sarà un motivo in più per loro di lamentarsi..
a proposito... è quasi concreta l'idea di dittatura. e sappiamo quali, sino ad oggi, sono stati i sintomi. la libertà ci viene negata e la protesta non ha senso di esistere se termina oggi. l'oltranza potrebbe aiutare proprio come dici tu aldus.