martedì 29 maggio 2012

Sul web monta la protesta: annullare la parata militare e devolvere i soldi ai terremotati

"Follia sperperare denaro pubblico in questo momento. No alle parate. Si' agli aiuti per le zone terremotate". Monta su Twitter la protesta contro la parata militare del 2 giugno a Roma, kermesse che stride con la sensibilta' del popolo del web dopo la nuova ondata di scosse in Emilia. La spesa della parata miliare si aggira intorno ai 10 milioni di euro e in questo momento di dolore e lutti da una parte e di tagli e sacrifici dall'altra, appaiono come uno sperpero inutile di denaro pubblico. L'hashtag #no2giugno al momento e' terzo in classifica tra le categorie di cinguettii piu' gettonate, superato solo da quelli dedicati al sisma stesso, l'italiano #terremoto e il piu' internazionale #PrayForEarthquakeInItaly. 
Su facebook intanto l'appello al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano "E' IL MOMENTO DI SPALARE, NON DI SFILARE", lanciato dal network controinformazione alternativa,  ha raggiunto nel giro di meno di poche ore oltre 15.000 condivisioni.




APPELLO AL PRESIDENTE NAPOLITANO
Chiediamo al Presidente della Repubblica di annullare la parata militare a roma e convogliare verso le zone terremotate le forze armate e i soldi risparmiati.

5 commenti:

Capt Rusty Hook ha detto...

questo è il mio primo intervento, seguo spesso questo spazio anche se sinceramente e con il dovuto rispetto ha perso un po' di quello spirito che aveva all'inizio ma apprezzo il lavoro, apprezzo veramente tanto. Vorrei essere capace di dimostrare tutta la rabbia e il disgusto che provo per questa classe politica arrogante e indifferente che ormai mi provoca il mal di stomaco, vorrei poter augurare a tutti i cari signori che siedono in parlamento e anche nelle amministrazioni più piccole tutti quelli che pensano al solo proprio interesse un futuro di agonia e dolore. Questo mi auguro per aver rubato il futuro e il presente ai giovani e meno giovani e per aver ignorato chi li ha permesso di stare dove stanno. Con tutto il mio odio e il disprezzo per questa classe politica, le più brutte parole che conosco non renderebbero giustizia a quello che veramente penso di voi e sinceramente questo presidente non mi rappresenta e trovo che sia il peggior che nella mia non lunga vita ho potuto ammirare

pinoz67 ha detto...

Napolitano non è il mio presidente!

http://pinoz6700.blogspot.it/

fracatz ha detto...

il problema è alla base, il 90% quadambia meno di 70.000, ma fa finta di non saperlo perchè nessuno glielo spiega e quindi è l'altro 10% a dettare le regole.
Non mi sembra che quando c'erano loro smisero di buttare soldi al 2 di giugno, oggi invece ci sono essi che sono come loro ma al bobbolo abilmente si mostrano diversi
(a cosa serve poi frignare)
Il partito degli under 70.0000

Kalsifer ha detto...

In questo momento non c'è bisogno di sfilate magari in memoria dei caduti. No. C'è bisogno di aiuti per chi è sopravvissuto e ora sta soffrendo.
Vista la situazione, spendere tutti quei soldi in una manifestazione, seppur definita "sobria" (3 mln di euro in tempo di crisi, alla faccia del sobrio) non è solo una assurdità ma anche una autentica dimostrazione di non aver capito niente.
Ma c'è di più: anche considerando le richieste che giungono da più parti e da così tanta gente, sarebbe dunque un dovere sospendere tutto, visto che ufficialmente l'Italia sarebbe ancora una Democrazia. O almeno, quello che ne rimane...

Nicola Pisano ha detto...

...ma non sarà forse che quei soldi sono stati già spesi, dato che una parata non è che la organizzi in due giorni, e quindi non farla sarebbe uno spreco ancora maggiore???