venerdì 1 giugno 2012

Libertà di licenziare, ecco i senatori che hanno votato per la demolizione dell’Articolo 18



In poco meno di due minuti, tanto è durata la votazione elettronica, ieri al Senato hanno demolito il più importante baluardo di civiltà del lavoro in Italia, frutto di decenni di lotte e conquiste: l’articolo 18.

244 senatori (Pd, Pdl, Terzo Polo) hanno approvato la cosiddetta  riforma del lavoro di Elsa Fornero che introduce, di fatto, la libertà di licenziare per motivi economici, salvo casi di “manifesta insussistenza” (cioè mai) a fronte di un modesto indennizzo al lavoratore; il più grande regalo alla Banca Centrale Europea e al Fondo Monetario che da tempo chiedono al governo Monti (e prima a Berlusconi) di intervenire in tal senso.Con questo provvedimento, l’Italia diventa il primo Paese europeo a non disporre di una tutela (né reintegro, né forti risarcimenti) in caso di licenziamento senza giusta causa. Per fare un esempio, nel modello tedesco, il reintegro è previsto persino nelle aziende con 10 dipendenti.
Ovviamente, dopo l’approvazione del testo, gioisce la Fornero che non sta più nella pelle dalla gioia (foto a destra). A votare contro soltanto Idv e Lega. Adesso l’iter parlamentare prevede che il testo passi alla Camera per la definitiva approvazione. Da Anna Finocchiaro a Rutelli, da Gasparri a Giovanardi fino all’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi, ecco i nomi di chi ha votato per la demolizione dell’articolo 18:


1) Marilena Adamo (PD)

2) Benedetto Adragna (PD)

3) Mauro Agostini (PD)

4) Maria Alberti Casellati (PDL)

5) Bruno Alicata (PDL)

6) Laura Allegrini (PDL)

7) Silvana Amati (PD)

8 ) Paolo Amato (PDL)

9) Francesco Maria Amoruso (PDL)

10) Alfonso Andria (PD)

11) Maria Antezza (PD)

12) Teresa Armato (PD)

13) Franco Asciutti (PDL)

14) Giuseppe Astore (MISTO)

15) Augello (PDL)

16) Antonio Azzollini (PDL)

17) Emanuela Baio (Terzo Polo – API/FI)

18) Massimo Baldini (PDL)

19) Giuliano Barbolini (PD)

20) Paolo Barelli (PDL)

21) Mariangela Bastico (PD)

22) Domenico Benedetti Valentini (PDL)

23) Filippo Berselli (PDL)

23) Maria Teresa Bertuzzi (PD)

24) Giampaolo Bettamio (PDL)

25) Francesco Bevilacqua (PDL)

26) Dorina Bianchi (PDL)

27) Enzo Bianco (PD)

28) Laura Bianconi (PDL)

29) Franca Biondelli (PD)

30) Tamara Blazina (PD)

31) Giacinto Boldrini (PDL)

32) Sandro Bondi (PDL)

33) Anna Cinzia Bonfrisco (PDL)

34) Giorgio Bornacin (PDL)

35) Gabriele Boscetto (PDL)

36) Daniele Bosone (PD)

37) Franco Bruno (Terzo Polo – API/FI)

38) Filippo Bubbico (PD)

39) Sebastiano Burgaretta Aparo (PDL)

40) Alessio Butti (PDL)

41) Antonello Cabras (PD)

42) Raffaele Calabrò (PDL)

43) Giacomo Caliendo (PDL)

44) Battista Caligiuri (PDL)

45) Giulio Camber (PDL)

46) Franco Cardiello (PDL)

47) Anna Maria Carloni (PD)

48) Gianrico Carofiglio (PD)

49) Alerio Carrara (Gruppo Coesione Nazionale)

50) Antonino Caruso (PDL)

51) Felice Casson (PD)

52) Maria Giuseppa Castiglione (Gruppo Coesione nazionale)

53) Maurizio Castro (PDL)

54) Stefano Ceccanti (PD)

55) Mauro Ceruti (PD)

56) Franca Chiaromonte (PD)

57) Carlo Chiurazzi (PD)

58) Angelo Maria Cicolani (PDL)

59) Emilio Colombo (UDC…)

60) Riccardo Conti (PDL)

61) Barbara Contini (Terzo Polo Api/Fli)

62) Gennaro Coronella (PDL)

63) Lionello Cosentino (PD)

64) Rosario Costa (PDL)

65) Vladimiro Crisafulli (PD)

66) Cesare Cursi (PDL)

67) Mauro Cutrufo (PDL)

68) Antonio D’Alì (PDL)

69) Gianpiero D’Alia (UDC..)

70) Gerardo D’Ambrosio (PD)

71) Luigi D’Ambrosio Lettieri (PDL)

72) Candido De Angelis (Terzo Polo Api/FLI)

73) Cristiano De Eccher (PDL)

74) Diana De Feo (PDL)

75) Sergio De Gregorio (PDL)

76) Stefano De Lillo (PDL)

77) De Luca Cristina (Terzo Polo)

78) De Luca Vincenzo (PD)

79) Luigi De Sena (PD)

80) Antonio Del Pennino (MISTO)

81) Mauro Del Vecchio (PD)

82) Silvia Della Monica (PD)

83) Roberto Della Seta (PD)

84) Mariano Delogu (PDL)

85) Ulisse Di Giacomo (PDL)

86) Roberto Di Giovan Paolo (PD)

87) Fabrizio Di Stefano (PD)

88) Egidio Digilio (TERZO POLO)

89) Lamberto Dini (PDL)

90) Lucio D’Ubaldo (PD)

91) Giuseppe Esposito (PDL)

92) Raffaele Fantetti (PDL)

93) Claudio Fazzone (PDL)

94) Mario Ferrara (COESIONE NAZIONALE)

95) Filippi Marco (PD)

96) Anna Finocchiaro (PD)

97) Annarita Fioroni (PD)

98) Giuseppe Firrarello (PDL)

99) Maurizio Fistarol (PD)

100) Salvo Fleres (COESIONE NAZIONALE)

101) Andrea Fluttero (PDL)

102) Marco Follini (PD)

103) Cinzia Fontana (PD)

104) Antonio Fosson (UDC..)

105) Franco Vittoria (PD)

106) Vincenzo Galioto (UDC..)

107) Cosimo Gallo (PDL)

108) Maria Alessandra Gallone (PDL)

109) Guido Galperti (PD)

110) Garavaglia Mariapia (PD)

111) Costantino Garraffa (PD)

112) Maurizio Gasparri (PDL)

113) Antonio Gentile (PDL)

114) Maria Ida Germontani (TERZO POLO)

115) Rita Ghedini (PDL)

116) Enzo Giorgio Ghigo (PDL)

117) Paolo Giaretta (PD)

118) Carlo Giovanardi (PDL)

119) Pasquale Giuliano (PDL)

120) Domenico Gramazio (PDL)

121) Manuela Granaiola (PD)

122) Luigi Grillo (PDL)

123) Gustavino (UDC..)

124) Pietro Ichino (PD)

125) Maria Fortuna Incostante (PD)

126) Cosimo Izzo (PDL)

127) Silvestro Ladu (PDL)

128) Nicola Latorre (PD)

129) Cosimo Latronico (PDL)

130) Raffaele Lauro (PDL)

131) Maria Leddi (PD)

132) Giovanni Legnini (PD)

133) Vanni Lenna (PDL)

134) Simonetta Licastro Scardino (PDL)

135) Massimo Livi Bacci (PD)

136) Giuseppe Lumia (PD)

137) Luigi Lusi (MISTO)

138) Marina Magistrelli (PD)

139) Lucio Malan (PDL)

140) Alfredo Mantica (PDL)

141) Andrea Marcucci (PD)

142) Francesca Maria Marinaro (PD)

143) Franco Marini (PD)

144) Marino Ignazio (PD)

145) Marino Mauro Maria (PD)

146) Alberto Maritati (PD)

147) Altero Matteoli (PDL)

148) Salvatore Mazzaracchio (PDL)

149) Daniela Mazzuconi (PD)

150) Giuseppe Menardi (GRUPPO COESIONE NAZIONALE)

151) Vidmer Mercatali (PD)

152) Alfredo Messina (PDL)

153) Claudio Micheloni (PD)

154) Riccardo Milana (TERZO POLI API/FLI)

155) Giuseppe Milone (PDL)

156) Claudio Molinari (TERZO POLI API/FLI)

157) Francesco Monaco (PD)

158) Colomba Mongiello (PD)

159) Enrico Morando (PD)

160) Carmelo Morra (PDL)

161) Fabrizio Morri (PD)

162) Franco Mugnai (PDL)

163) Adriano Musi (PD)

164) Enrico Musso (UDC..)

165) Domenico Nania (PDL)

166) Magda Negri (PD)

167) Paolo Nerozzi (PD)

168) Vincenzo Nespoli (PDL)

169) Pasquale Nessa (PDL)

170) Franco Orsi (PDL)

171) Nitto Palma (PDL)

172) Elio Massimo Palmizio (COESIONE NAZIONALE)

173) Antonino Papania (PD)

174) Achille Passoni (PD)

175) Carlo Pegorer (PD)

176) Marco Perduca (PD)

177) Flavio Pertoldi (PD)

178) Oskar Peterlini (UDC..)

179) Lorenzo Piccioni (PDL)

180) Filippo Piccone (PDL)

181) Gilberto Pichetto Fratin  (PDL)

182) Leana Pignedoli (PD)

183) Roberta Pinotti (PD)

184) Beppe Pisanu (PDL)

185) Salvatore Piscitelli (COESIONE NAZIONALE)

186) Giovanni Pistorio (MISTO)

187) Adriana Poli Bortone (COESIONE NAZIONALE)

188) Francesco Pontone (PDL)

189) Donatella Poretti (PD)

190) Guido Possa (PDL)

191) Giovanni Procacci (PD)

192) Gaetano Quagliariello (PDL)

193) Luigi Ramponi (PDL)

194) Raffaele Ranucci (PD)

195) Maria Rizzotti (PDL)

196) Giorgio Roilo (PD)

197) Rossi Paolo (PD)

198) Antonio Rusconi (PD)

199) Giacinto Russo (TERZO POLO)

200) Francesco Rutelli (TERZO POLO API/FLI)

201) Michele Saccomanno (PDL)

202) Maurzio Saia (COESIONE NAZIONALE)

203) Filippo Saltamartini (PDL)

204) Fedele Sanciu (PDL)

205) Gian Carlo Sangalli (PD)

206) Francesco Sanna (PD)

207) Giuseppe Saro (PDL)

208) Carlo Sarro (PDL)

209) Luciana Sbarbati (PD)

210) Giampiero Scanu (PD)

211) Aldo Scarabosio (PDL)

212) Salvatore Sciascia (PDL)

213) Serafini Anna Maria (PD)

214) Serafini Giancarlo (PDL)

215) Achille Serra (UDC)

216) Cosimo Sibilia (PDL)

217) Silvio Emiio Sircana (PD)

218) Albertina Soliani (PD)

219) Ada Spadoni Urbani (PDL)

220) Vincenzo Speziali (PDL)

221) Marco Stradiotto (PD)

222) Nino Strano (TERZO POLO )

223) Paolo Tancredi (PDL)

224) Alberto Tedesco (MISTO)

225) Oreste Tofani (PDL)

226) Salvatore Tomaselli (PD)

227) Antonio Tomassini (PDL)

228) Giorgio Tonini (PD)

229) Achille Totaro (PDL)

230) Tiziano Treu (PD)

231) Giuseppe Valditara (TERZO POLO)

232) Guseppe Valentino (PDL)

233) Simona Vicari (PDL)

234) Guido Viceconte (PDL)

235) Pasquale Viespoli (COESIONE NAZIONALE)

236) Riccardo Villari (COESIONE NAZIONALE)

237) Luigi Vimercati (PD)

238) Vincenzo Vita (PD)

239) Valter Vitali (PD)

240) Carlo Vizzini (UDC)

241) Luigi Zanda (PD)

242) Valter Zanetta (PDL)

243) Tomaso Zanoletti (PDL)

244) Sergio Zavoli (PD)

17 commenti:

Egidio Casati ha detto...

il post è copiato, senza citazone, da qui:
http://violapost.it/?p=8649

fracatz ha detto...

così il valoroso ed eroico bobbolo tajano impara a farsi rappresentare da gente over 70.000
Il partito degli under 70.0000

Alessandro ha detto...

Ci rendiamo conto: un ladro preso con le mani nel sacco e praticamente reo confesso (Lusi) ha deciso che sta bene licenziare un operaio se così decide, magari per antipatia "economica", il suo PADRONE: ho scritto padrone perchè d'ora in poi il mondo del lavoro sarà diviso tra schiavi e padroni..e gli ex-comunisti? han votato a favore pure loro: ma si può sapere cosa temeva Berlusconi da 'sti bastardi? o era, probabilmente, solo "cinema" per darcela a bere, visto che governano addirittura assieme....Così come le Brigate Rosse....altro che rosse, altrimenti i bersagli non sarebbero stati anche sindacalisti (quelli di allora, beninteso, perchè quelli di oggi.....)

Alessandro ha detto...

Fantastica la Finocchiaro (comunista?): oltre ad avere la scorta NON VOLUTA (e magari non se ne era nemmeno accorta che ce l'aveva...sindrome Scajola!!!???) ora vota regolarmente tutte le norme che stanno velocemente ammazzando il popolo italiano....forse le è venuto in mente che faceva così, magari un pò più sbrigativamente, Stalin e allora avrà pensato che è ora di recuperare quella esperienza...una vera comunista....

Luigi Goloso ha detto...

Ma finalmente si può licenziare! Soprattutto nel pubblico, dove il fancazzismo è spudorato. Chiedetevi perché, per esempio il servizio pubblico costa 10 volta di più al sud che al nord. Ve lo dico io, parassitismo e clientele! L'art. 18 è un grande diritto ottento con battaglie, ma bisogna che sia applicato NON come protezione degli inetti. Perché li paghiamo tutti noi, anche voi che tanto sbraitate.

Filippo Locatelli ha detto...

@Luigi il servizio pubblico costa troppo perchè le risorse sono mal gestite, a partire da software e strutture, fino ai dirigenti che prendono stipendi d'oro, ovvio in ogni luogo ci sono i fannulloni, ma non sono di certo quelli che verranno licenziati;

barbaranotav ha detto...

bene, ora speriamo che la gente se decide ancora di andare a votare se ne ricordi di quanto sia alternativo e con i lavoratori e la società civile quel PD e loro partitini satellite che comunque ad ogni tornata elettorale non li disdegnano come "alleati" in coalizione

luca ha detto...

Tutti uguali ... speriamo che la gente se ne ricordi al momento di votare ! Bisogna cambiare le leggi specialmente sui referendum ,e l'unico strumento che ci può permettere di decidere baipassando la politica... tramite referendum si devono poter abrogare leggi o promuoverne di nuove con l'obbligo della politica di rendere subito esecutivi i risultati ... ormai non hanno più la nostra fiducia !

REDSUN ha detto...

gente senza ne arte ne parte e senza vergogna...

clod53 ha detto...

la tutela personale del posto di lavoro insomma, e le persone che di persona si sono esposte per tutelare i propri diritti e quelli degli altri che fine faranno?

skydark ha detto...

UN GRANDE PASSO E'STATO FATTO!!!!
SPERO SI APPLICHI NEL PIU' BREVE
TEMPO POSSIBILE.COSI' FINALMENTE CI
TOGLIEREMO DAI COGLIONI TUTTI QUESTI
GRANDI PARASSITI PEZZI DI MERDA CHE
OPERANO NEL PUBBLICO.QUANDO SEI COSTRETTO AD AVERE A CHE FARE CON QUALSIASI ENTE PUBBLICO SEMBRA CHE VAI A DISTURBARLI NEL SALOTTO DI CASA LORO.

skydark ha detto...

CI TENGO CMQ A DIRE CHE SE FOSSE X ME I POLITICI LI FAREI ESTINGUERE TUTTI NEL MODO PIU' CRUENTO POSSIBILE!!! SPERO SOLO CHE GRILLO NON DELUDA LE ASPETTATIVE DELLA GENTE O PEGGIO ANCORA CHE FINISCA IN BOCCA AGLI SQUALI DI MONTECITORIO.

nicola ha detto...

il pd grande partito e meno male che dovrebbero garantire sicurezza agli operai,mandiamoli a casa alle prossime elezioni

menestrello ha detto...

Questa legge è palesemente anticostituzionale. Art. 1:"L' Italia è una Repubblica fondata sul lavoro"

Eros Vianello ha detto...

ORGANIZZIAMOCI!!! SONO I NOSTRI SOLDI!!! MANGIANO CON I NOSTRI SOLDI! PAGHIAMO NOI! E OLTRE IL DANNO LA BEFFA? CI PRENDONO PURE PER IL CULO? C'é GENTE CHE NON PUO' TORNARE NELLE CASE DISTRUTTE!!! MA E' POSSIBILE? ORGANIZZIAMOCI! Ci STO METTENDO LA FACCIA... Sto creando una pagina apposta... https://sites.google.com/site/eros84via/politicaparlatene in giro, salvatela tra i preferiti, ogni tanto entrateci e quando vedo che siamo in tanti, più possibile, ci dobbiamo riprendere la NOSTRA ITALIA in mano ad un branco di delinquenti!!! Non ce lo meritiamo! E POSSIAMO farlo!!!!

Marco ha detto...

ora senza art18 rischio di essere licenziato,

oh asptta no, sono tra il 90% degli italiani che non fa parte dell'art18...

e sono appena stato lincenziato, tu guarda, allora sto art18 era solo per pochi eletti e chissenefrega degli altri!!!

Sandro Prinetto ha detto...

L'articolo 18 protegge gli italiani migliori!
PIGRI
ASSENTEISTI
NULLAFACENTI
SABOTATORI

Peccato che non ci sia un articolo che difende
CHI RISCHIA TUTTO QUELLO CHE HA PER :
FARE IMPRESA
CREARE POSTI DI LAVORO
CREARE RICCHEZZA
CREARE NUOVI BENI/SERVIZI PER TUTTI