giovedì 24 novembre 2011

ieri alla Camera ennesimo regalo a Finmeccanica: stanziati 500 milioni per acquisto nuovi carri armati

Ieri dalla IV Commissione Difesa della Camera dei Deputati è arrivato l'ok bipartisan alla spesa di mezzo miliardo di euro per l'acquisto di ulteriori mezzi militari da utilizzare per la cosiddetta "missione di pace" in Afghanistan.
A fare affari ancora una volta i grandi carrozzoni pubblici dell'industria bellica, in primo luogo Finmeccanica, al centro da giorni dell'inchiesta sul giro di tangenti ai partiti e uomini politici.
Mentre sono allo studio le strategie per rastrellare denaro dai cittadini per fronteggiare debito pubblico, spread, ecc... si continuano a sperperare miliardi e miliardi di euro per una guerra che costa all'incirca un miliardo all'anno, con esiti disastrosi come dichiarato dagli stessi vertici militari, e di cui non si comprende come e quando possa finire.
Come è avvenuto per le spese di gestione ordinaria della missione militare in Afghanistan, cioè i 760 milioni messi in bilancio per l'anno 2011, anche per l'acquisto di questi mezzi militari sarà necessario stornare una quota di fondi FAS per lo sviluppo per destinarli al bilancio della Difesa e rendere possibile in questo modo l'acquisto.
Buttare questa montagna di soldi per portare avanti una guerra senza senso è uno scandalo, farlo in tempo di crisi è una ignobile vergogna.

Questo in sintesi il preventivo di spesa approvato ieri 

40 Veicoli Tattici Medi Multiruolo (VTMM): 157 milioni di euro
149 Automezzi Logistici Protetti: 80,7 milioni di euro
511 Veicoli Tattici Leggeri Multiruolo (VTLM): 198 milioni di euro
Sensori elettro-ottici e radar integrati: 56,3 milioni di euro

9 commenti:

Morphy-ITA- ha detto...

Partendo dal fatto che questi veicoli servono per la salvaguardia e la protezione dei nostri soldati in Afghanistan, chi ha scritto quest'articolo conosce la differenza tra carro armato e VTMM, VTLM, Automezzi Logistici Protetti. Evidentemente non ha la minima idea di cosa si stia parlando. eppure internet offre una montagna di informazioni, solo che e' piu' facile fare dell'informazione distorta e manipolata che scrivere le notizie per quello che sono.
Giusto per chiarezza:
Veicolo Tattico Medio Multiruolo - VTMM, (anche noto come Multi-role Medium Tactical Vehicle - MMTV o KMW Grizzly o MPV - Multi Purpose Vehicle), è un mezzo blindato medio e puo' essere utilizzato nei ruoli trasporto truppe, ambulanza, trattore d'artiglieria e posto comando.
VTLM, Light Multirole Vehicle (Veicolo Leggero Multiruolo) è un mezzo blindato leggero di nuova generazione prodotto da Iveco Defence Vehicles di Bolzano. I principali operatori sono l'Esercito italiano, dov'è denominato VTLM Lince, e l'esercito britannico, dove è in servizio con la designazione di Panther CLV. Il veicolo possiede un elevato livello di protezione contro il fuoco delle armi leggere, gli IED e le mine, pacchetti aggiuntivi garantiscono la protezione anche contro le armi di medio calibro come le mitragliatrici pesanti.
(definizioni tratte da wikipedia).
Non e' poi cosi difficile informarsi!!!!!

Partizan ha detto...

Morphy il problema è che l'Italia deve ritirarsi dall'Afghanista immediatamente!!! Si tratta di una guerra imperialista contraria ad ogni più basilare principio del diritto internazionale, e come quella in Afghanistan, così le guerre in Iraq, Libia, Kosovo, ex-Jugoslavia e in genere tutte quelle promosse dai rapaci Stati occidentali.
Basta dare i soldi a questi cani famelici! Sovrano torni ad essere il popolo, e non le lobby!
Ottimo articolo.

DartSan ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
DartSan ha detto...

Giusto per rispondere a Morphy-ITA...
Partendo dal presupposto che a me dei militari italiani non me ne frega un cazzo... scusa la franchezza ma non li ho mandati io a fare una guerra che non serve a nulla.

L'articolo è sul discorso sperpero in un momento in cui si chiedono come al solito sacrifici ai cittadini e non un saggio sui mezzi e le armi...
e visto che all'italia di fare guerre "di liberazione" in un momento simile non serve, direi che chi ha scritto l'articolo ha fatto solo bene.

Ps. i soldi italiani restino in italia (insieme ai soldati).

cam ha detto...

però...io sono contro i militari e la missione in Afghanistan e tutte le missioni militari e l'impiego dei militari nelle città nostre; però...purtroppo non riesco a non pensare che questa spesa crea lavoro. in italia poi, per quanto ho capito. no?

DartSan ha detto...

cam... si ma crea lavoro che per quanto sfami famiglie ne rende povere altre...
I soldi che TU, io e tutti gli altri paghiamo per i militari e i mezzi sono ben di più del lavoro "creato".

GGP606060 ha detto...

Il mercato delle armi non va mai in crisi, d'altronde moltissimi senatori USA vi investono i loro capitali personali, e quindi... http://giannigirotto.wordpress.com/2009/02/16/crisi-quale-crisi/

Danx ha detto...

Chi giustifica queste spese è un pover'uomo

Mr. Tambourine ha detto...

È proprio cambiato tutto, col governo Monty.

www.ciclofrenia.it