domenica 25 dicembre 2011

Altrochè l'articolo 18! L'ex direttore Minzolini ruba alla RAI ma non si può licenziare e nemmeno tagliare lo stipendio

Da dieci anni ci spiegano in coro che dobbiamo essere tutti licenziabili, tutti flessibili, cos'è questa incrostazione novecentesca del posto fisso. Ce lo spiegano un po' tutti - anche nel Pd - ma più di tutti ce lo strillano i liberisti del Pdl (Sacconi e Brunetta in testa): cioè proprio quelli che hanno messo come direttore del Tg1 Augusto Minzolini.
Già, ma con che qualifica hanno assunto Minzolini in Rai? Leggere, per credere, la sua memoria difensiva: «Caporedattore con funzioni di Direttore». Cosa vuol dire questo? Semplice: che con quel bel contrattino, Minzolini non è licenziabile dalla Rai. Per sempre. Per sempre si potrà tenere la sua retribuzione di 550 mila euro lordi l'anno, che fanno più di 22 mila euro netti al mese, per tredici mensilità, ovviamente a spese di chi paga il canone. 
Invece, Minzolini, ciccia. Era il direttore, di fatto e senza il minimo dubbio, come ci ha ricordato più volte con i suoi editoriali. Ma non di diritto, almeno non formalmente. Quindi è illicenziabile. Infatti adesso, male che gli vada, lo sposteranno a Parigi o a New York. Dove oltre al suo stipendio da nababbo, avrà in più anche l'alloggio di servizio.

5 commenti:

Maxime ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Maxime ha detto...

Io non ho parole. Ma che razza di popolo siamo se accettiamo e subiamo sempre tutto questo? Inoltre che sistema e che istituzioni abbiamo se a fronte di raccolta firme e manifestazioni di volonta' popolare rimane tutto come prima?
Perche' non si raccolgono firme via blog e poi sara' il popolo a decidere quale sia il giusto stipendio per i pubblici dirigenti?

pes ha detto...

Mantenere per il potere cani di "razza" costa.
Con quale regola di mercato o logica sindacale, in rapporto alla preparazione di qualsiasi individuo, possono essere attribuiti guadagni così esagerati? Semplice solo a coloro che sono indicati quali portatori e sostenitori d'ignoranza e superstizioni. Non vi è giustificazione. Il successo è che la tassa sulla RAI la pagano tutti in un silenzio assenso della dispotica sussidiarietà dei questo potere manipolatore.

Mr. Tambourine ha detto...

È sempre un mito, il Minzo.

www.ciclofrenia.it

Kalsifer ha detto...

Questo pare che sia stato censurato dalle TV in Italia...

Denunciati Mario Monti e Napolitano per alto tradimento