sabato 14 gennaio 2012

Dopo la Lega in Tanzania, anche l'IDV specula nella finanza i suoi rimborsi elettorali


Dopo la Lega Nord e le sue speculazioni finanziarie in Tanzania, basta spulciare i bilanci dei partiti per scoprire che anche l'Italia dei Valori incassa milioni di euro di denaro pubblico sotto forma di  "rimborsi elettorali" e, invece di pagare locandine e manifesti, li affida ai banchieri per speculare sul mercato finanziario.
Antonio Di Pietro i soldi dell'IDV li affida a Intesa San Paolo, l'Intesa San Paolo del neoministro Passera, l'Intesa San Paolo di cui il senatore IDV Lannutti dedica un capitolo molto duro («Le ombre dell’Intesa») nel libro-denuncia sullo strapotere delle banche intitolato BANKSTER, la cui prefazione è a firma di Antonio Di Pietro.
Nel solo 2010 l' Italia dei Valori di Di Pietro investe 5 milioni di euro di rimborsi elettorali in operazioni finanziarie.
La fetta più grossa, 3,98 milioni, è stata versata alla Sgr (Società di Gestione Risparmio) Eurizon Capital, del gruppo Intesa Sanpaolo.
Altri 201.000 euro in un fondo di investimento poco rischioso gestito sempre da Eurizon (Intesa Sanpaolo), quindi 300.000 di obbligazioni subordinate (più rischiose) ancora di Intesa Sanpaolo. Poi altri 200.000 euro in obbligazioni Banca Imi (ancora Intesa Sanpaolo) a tasso variabile. E infine quasi 50.000 euro in due fondi di investimento a breve termine gestiti da Gestielle (della Banca Aletti, gruppo Banco Popolare, lo stesso istituto che gestisce gli investimenti della Lega Nord, ndr), e 33.000 in depositi.
Il totale: 4.765.337 euro.

(tratto dal libro "Partiti S.p.a.")

17 commenti:

Davide ha detto...

IDV, ha incassato circa 2000000 di euro di rimborso elettorali, a fronte dei 17000000 del PDL e dei 14000000 del PD. Come scritto dall articolo non ci vedo una analogia con quello che è successo con la Lega. Quei soldi investi poi servono in secondo luogo a finanziare il partito nel territorio e anche acquistare un pacco di carta per noi che lavoriamo nel territorio deve essere giustificato alla luce del sole. Poi mi sembra che gli investimenti siano esattamente gli stessi che può fare un comune mortale. Poi se volete fare del qualunquismo e darci dei farabutti o sporchi, sinceramente non mi piace, sono altri a cui bisogna fare attenzione e valutare il loro comportamento e lavoro. Mi sembra che questa pagina molte volte si comporta come Il Giornale o Libero, più da macchina del fango che vera informazione. Se ci sarà qualcosa di immorale nel comportamento di IDV dovrà essere spiegata e giustificata in maniera molto chiara, siamo prima noi militanti a essere i cani da guardia di come si comporta il partito e vi assicuro che non siamo come i leghisti noi non perdoniamo.

don ha detto...

...voi non perdonate....
Intanto il vostro Di Pietro, è stato promotore del referendum che è stato bocciato malamente dalla Corte Costituzionale. Lui, da bravo ex PM e quindi epserto di leggi, non lo sapeva prima? Il problema mi sembra tanto semplice da essere alla portata anche di un liceale.
Allora Di Pietro è un ciuccio che non sa promuovere un referendum che sia costituzionalmente corretto?
Oppure era in malafede?
non credo ci siano altre alternative.
Il vostro caro De Magistris, da parlamentare auropeo ha chiesto ed usufruito dell'immunità parlamentare (ribadisco, richiesta fatta da Lui), mentre avete sempre predicato l'ingiustizia di tale immunità.
Eppure, voi popolo dell'IDV evete perdonato.
In cosa siete diversi dagli elettori della Lega???

marco81 ha detto...

mi associo a quanto detto da davide.. già mi ero tolto da questo gruppo inutile e qualunquista, ma purtroppo essendomi caduto l'occhi su quest'articolo vergognoso non posso fare a meno di commentarlo.. affidare 5 milioni di rimborsi elettorali a società di investimento per non tenerli fermi e improduttivi sarebbe uno scandalo.. vergognatevi!!! la macchina del fango e la casa di montecarlo vi hanno insegnato bene a sputtanare le persone senza un minimo di decenza.. bravi!!

technet ha detto...

Di Pietro è un burattino in mano di qualcuino che gioca sul suo modo di fare. com in svariati altri casi le banche, ancora una volta, come fà un partito politico a lottare contro una crisi generata e voluta dalle banche per poi allearsi con esse per fare soldi senza prima evirare il grande baco, ormai dimostrato, da questo sistema sempre più complicato per non essere comprese e continuare a vivere, prendiamo esempio dall'islanda, ma nessuno ha le palle per farlo in Itali.

fra ha detto...

l'immunitá richiesta da de magistris era per "reati d'opinione" tutela che esiste per i parlamentari di tutto il mondo, immunità giustissima altrimenti ogni loro affermazione potrebbe essere portata in tribunale da un avversario politico. siamo seri.

quanto al referendum, i quesiti erano costituzionali. lo affermano più di cento costituzionalisti in una lettera aperta facile da trovare su internet. la sentenza della Corte è stata più politica, se tieni cono poi che della corte fanno parte anche giudici in palese conflitto, amici personali di berlusconi che ci andavano a cena alla vigilia della sentenza sul lodo alfano...

sui rimborsi, mi associo a quanto detto da davide.

Paolo Marani ha detto...

I fondi comuni di investimento (tipo Eurizon) sono usati comunemente da centinaia di migliaia di cittadini investitori, come alternativa fra i BOT e le rischiosissime azioni. Non vedo niente di immorale a parcheggiare i soldi del partito in questo modo.

Al contrario, se i cittadini giudicassero investire i proventi dei rimborsi elettorali in fondi privati, una cosa immorale, avrebbero una sola strada. PROMUOVERE UNA LEGGE CHE VINCOLI IL DEPOSITO DEI RIMBORSI SOLO IN CC O IN BOT.

Per lo meno, sono soldi che rimarrebbero a disponibilità dello stato come garanzia per il suo debito pubblico.

asdandria ha detto...

io parto a monte... aboliamo i rimborsi elettorali!

Andrea Legati ha detto...

Ma scusate se sono rimborsi non dovrebbero andare a coprire costi già sborsati dal partito? Se un partito riceve dallo stato più soldi di quanti ne spende è finanziamento ai partiti mascherato, che è illegale dal 1993 dopo il referendum abrogativo della legge del 2 maggio 1974, n. 195.

liberodipensare ha detto...

Davide :"Mi sembra che questa pagina molte volte si comporta come Il Giornale o Libero, più da macchina del fango che vera informazione."

L' IDV ha girato soldi per il rimborso elettorale in investimenti speculativi. Questa è una notizia.
Vuole dire che l'IDV non ha speso soldi per la campagna elettorale, ma , forse e quasi sicuramente, qualche euro a Davide per comprare delle risme di carta per stampare qualcosa (forse anche inchostro per la stampante laser).
L' IDV ha """incassato""" 2 milioni di euro. Ha speso per Davide qualche euro per delle risme di carta.

Si era votato un referendum contro il finanziamento ai partiti. Giusto. I partiti lo hanno girato in rimborso elettorale e la Consulta ..silenzio.

Presentato un referendum per abolire questa legge elettorale. La Consulta lo boccia (giustamente per come era stata presentata da PD IDV e SEL) e la Consulta suggerisce che comunque si dovrebbe cambiare questa legge.

Non ci sto capendo un cavolo di niente!
Non capisco a cosa serve la Consulta. Non capisco a cosa è servito proporre un referendum da PD IDV e SEL, vanificando la precedente proposta (ben formulata), come S.T. aveva fatto notare.
O, a ben pensarci,.. un attimo mi manca la carta. Manderò una email a di pietro se può inviarmi qualche spicciolo di quei 5 milioni di euro.

liberodipensare ha detto...

Gentissimo di pietro, ha risposto alla mia richiesta di carta a stretto giro di posta :
"Carissimo liberodipensare, ti invio della carta igienica rimasta dalla ultima riunione avuta con Veltroni e Vendola. Spero che tu possa farne buon uso".

Signori si nasce!
ps. Davide approfittane anche tu. Non farti scrupolo.

vonstop ha detto...

Ma se i rimborsi elettorali non servono per coprire le spese ma vengono risparmiati,e investiti, allora sono contributi a fondo perso, che potrebbero essere usati per altri scopi.(magari anche per diminuire il debito pubblico !)

liberodipensare ha detto...

Non sempre dobbiano giustificare le nostre scelte di partito.

Ieri ho commentato un articolo sul blog di beppe grillo. L' articolo "Bomba su bomba arriveremo a Teheran" col quale si giustificava la corsa all' armamento nucleare dell' Iran perchè gli americani fanno schifo, la loro economia fa schifo, e noi per loro colpa ci troviamo nello schifo...e se magari gli iraniani faranno scoppiare una guerra nucleare la colpa è degli americani.

Ho scritto "ma chi è il fesso che ha scritto quest' articolo. Bello questo blog dove tutti possono scrivere stronzate senza censura. Ne scriverò uno io : gli americani attaccheranno i marziani per la conquista del sistema solare. Monti guiderà una navicella kamikaze" (ovvio, il commento è stato cancellato)

Ma davvero ci piace leggere sempre quello che a noi fa piacere senza un contradittorio ?
Si può immaginare che ci sia chi la pensi diversamente da noi ?
Cosi, se di pietro e l'IDV ha commesso un arbitrio posso esprimere la mia opinione senza ricevere della carta igienica (da usare solo sul retro perchè sull' altra ci sono le firme dei firmatari)?

Cioè voglio dire, se S.T. ha delle sue idee può esprimerle liberamente ?
Mi può piacere o meno, devo confrontarmi in un dibattito serio e corretto. Per rispetto del mio interlocutore e mio.
Difficile da capire ?

White ha detto...

Se i partiti pagassero per i manifesti elettorali quanto dovuto...
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/ma-quel-manifesto-chi-lo-paga/2167223

Se i partiti non ricevessero il doppio di rimborsi di quello che spendono...
http://www.valigiablu.it/doc/479/il-vero-scandalo-sono-i-rimborsi-elettorali.htm

Quando si tratta di soldi degli altri, son tutti bravi ad investire...

liberodipensare ha detto...

White : Quando si tratta di soldi degli altri, son tutti bravi ad investire...

Quando se li trovano in tasca pensano davvero di esserseli guadagnati.

Il figlio di di pietro aveva commentato "ho attaccato manifesti per il partito"...a che prezzo?
e Davide a che prezzo ? no Davide è un bravo ragazzo ha avuto una risma di carta ed il figlio di di pietro un posto da consigliere regionale. Il partito non paga neppure ai carabinieri, a pagare sono i cittadini come Davide

iLManigoldo ha detto...

Nuovi loghi nascono...
http://eccesatira.blogspot.com/2012/01/tanzania-libera.html

discinti saluti.

menestrello ha detto...

Il rimborso implica un PRECEDETE esborso regolarmente fatturato. Indi per ottenere il rimborso bisogna presentare domanda di rimborso con allegata relativa fattura di esborso...tuto il resto si racchiude in una parola sola: "RUBARE". Beh, si dovrà indire un nuovo referendum.

Mr. Tambourine ha detto...

"Chi è senza peccato squagli la prima pietra."
O qualcosa del genere.

www.ciclofrenia.it