domenica 29 gennaio 2012

Passera nomina l'uomo di Bisignani a gestire la torta delle frequenze televisive. E' il prezzo per l'appoggio di Berlusconi

Sarà dunque un uomo di Bisignani, il deus ex-machina della p4, a gestire la delicatissima torta su tv e frequenze! Senza dubbio il terreno più importante in questo momento per Silvio Berlusconi: in gioco le procedure di assegnazione di nuove frequenze e ci sarà da scegliere se  liberalizzare davvero o usare forme molto più addomesticate di beauty contest che garantiscano la posizione monopolista di Mediaset.
Ebbene il potente neo-ministro allo sviluppo economico, Corrado Passera, nelle ore concitate dell'approvazione del decreto sulle "liberalizzazioni", ha comunque trovato il tempo per chiedere e ottenere da Monti che Roberto Sambuco fosse nuovamente nominato a capo del dipartimento ministeriale per le telecomunicazioni.
Ma chi è e cosa rappresenta questo 43enne professore di economia, già legatissimo a Claudio Scajola e Paolo Romani? Ce lo dicono proprio le intercettazioni telefoniche per l'inchiesta sulla P4, in cui il faccendiere factotum Luigi Bisignani, l'uomo che sussurrava ai potenti, conferma il suo totale controllo su di lui.
Telefonate come quella del dicembre 2010 tra Bisignani e l'ex ministro Prestigiacomo:
P: "Sambuco, il capo di gabinetto, è amico tuo?" - B.:" Amicissimo, quando vado lì fa tutto quello che gli dico io"...
Oppure, nell'ottobre dello stesso anno, quandoSambuco insieme a Bisignani discute delle strategie di Gianni Letta. Ma soprattutto per Berlusconi le credenziali di Sambuco vengono dal fatto che proprio nel 2010 ha già gestito l'assegnazione di cinque frequenze nel digitale terrestre con regole molto benevoli verso l'azienda del biscione.
Sono perciò confermate le paure della Lega e dei falchi del Pdl, che vorrebbero una posizione più rigida rispetto al governo Monti e temono invece che Berlusconi abbia venduto l'appoggio in cambio di un occhio (molto) di riguardo sugli affari di famiglia...


1 commento:

Mr. Tambourine ha detto...

Il titolo è ambiguo, occhio.

www.ciclofrenia.it