domenica 19 febbraio 2012

Svizzera, Inghilterra, Germania: quando la Casta conosce la parola "DIMISSIONI"!

Le dimissioni degli altri: a noi sembrerà stranissimo, perchè in Italia non si dimette mai nessuno!
Anche nell'attuale governo c'è un condannato per tangentopoli (Milone), professori universitari raccomandati (come Martone), per non parlare del vecchio governo, di Silvio Berlusconi o del Parlamento in cui ospitiamo almeno un centinaio di imputati e/o condannati dei reati più svariati.
Ed è tutto un gridare al complotto della magistratura o dei marziani, tutto un ricorrere all'impunità parlamentare.
In altri paesi d'Europa invece c'è il costume di dimettersi di fronte a vicende a volte così piccole che da noi sarebbero derubricate a "gossip". E poi magari pensano a difendersi. Perchè il rispetto per il ruolo pubblico viene prima di tutto. Ecco un pò di esempi, limitandoci all'ultimo anno e ai casi più importanti:


Christian Wulff: Presidentre della Repubblica Federale Tedesca. Investito dallo scandalo per aver ricevuto un prestito al tasso del 4% dalla moglie di un amico imprenditore quando era ancora governatore della Bassa Sassonia. Un tasso impossibile per qualunque banca. Ma maggiore è stato lo scandalo dovuto al fatto che Wulff ha cercato di intimidire il giornalista che voleva pubblicare l'articolo, minacciando le vie legali. Wulff ha resistito per un pò, ma appena la Procura ha chiesto al Bundestag l'autorizzazione a procedere nei suoi confronti si è immediatamente dimesso il 17 febbraio 2012.

Karl Theodor zu Guttenberg: ministro della difesa della Germania. E' stato accusato di aver copiato da internet una parte della tesi di dottorato. In seguito alla pressione sui giornali si è dimesso l'1 marzo 2011


Chris Huhne: ministro dell'ambiente britannico. Si è dimesso il 3 febbraio 2012 appena si è scoperto che aveva mentito su una multa dell'autovelox caricandola sulla patente della moglie...


Philipp Hildebrand: il governatore della Banca Centrale della Svizzera si è dimesso il giorno stesso in cui è stato coinvolto in un presunto scandalo per una controversa transazione valutaria portata avanti da sua moglie l'estate scorsa, che ha fatto pensare che la donna abbia agito in possesso di informazioni privilegiate (insider trading)






.

3 commenti:

yap ha detto...

Pare che la moglie di Chris Huhne sis sia dimessa per questo film porno, altro che multa

hermes ha detto...

Perchè non si dice che Wulff si è dimesso per cose molto più gravi di Malinconico, ad esempio?
Basta, sei pateticamente di parte!

iLManigoldo ha detto...

Ma pensa tu!

http://eccesatira.blogspot.com/2012/02/art-3.html


discinti saluti.