mercoledì 28 marzo 2012

La Brambilla all'inaugurazione di una canile, e le urlano "Bunga, bunga"

Triste e malinconico declino dei politici che perdono la poltrona. Michela Vittoria Brambilla, ex ministro del Turismo, distintasi in modo particolare per non aver prodotto nemmeno una legge di un qualche valore, è sempre stata, come si sa, una convinta animalista. E visto che ora è malinconicamente disoccupata, non ha trovato niente di meglio da fare che presentarsi, insieme con il neo ministro dell'Ambiente Clini, all'inaugurazione di un canile municipale, a Donnici, frazione di Cosenza. Non uno di quegli impegni istituzionali, diciamo così, imprescindibili. Ma l'ex ministro ha pensato bene di parteciparvi. Purtroppo, però, la gente non ha dimenicato chi è la Brambilla. E così un gruppo di ambientalisti e No Tav l'ha accolta al grido di "Bunga, Bunga! Vergognati!", lanciandole anche degli insulti non proprio decorosi. Piccolo trambusto e qualche spintone. La Brambilla, vista l'aria che tirava, ha svicolato e, protetta dai carabinieri, si è infilata rapidamente in auto ed è corsa via. Con le grida che ancora la inseguivano. "Bunga, bunga!".   

5 commenti:

Kaif ha detto...

Se li merita tutti!!!! Avrei voluto esserci anche io per urlare lo schifo che provo per questa gente dannosa alla società. Una delle tante, purtroppo, vergogne d'Italia.

Enrico ha detto...

Bisogna gridare RIVOLUZIONE!!!!! basta con questi parassiti l'Italia è giunta al lastrico il paese è fallito per colpa di questa gentaglia. La Brambilla è solo una creazione di Berlusconi quindi vi lascio immaginare........

c.man ha detto...

forse la Brambilla non sa che 2 settimane fa, un padre di famiglia di un comune nei pressi di cosenza, disoccupato da 2 anni, si è fermato con la propria auto in una piazzola della ss 107, e si è suicidato con un colpo di pistola in testa, per le precarie condizioni economiche in cui versava la sua famiglia: http://www.nuovacosenza.com/cs/12/mar/21/disoccupatosuicida.html. forse, prima di tutelare i cani, bisognerebbe tutelare famiglie e lavoratori.

pascline ha detto...

Daccordo con Enrico.RIVOLUZIONE!!!C'è bisogno di un ricambio totale, non solo delle creazioni di B., ma anche di tutta una classe politica vecchio stampo, di sindacati "camaleonti" demagoghi, che da anni continuano a non rappresentare e tutelare come dovrebbero diritti ed interessi dei cittadini, sindacati sempre più "stampelle" di padroni e governi!

luigi ha detto...

Toglietevi la tessera sindacale TUTTI, parola di ex RSA, sono solo una banda di mangia soldi. E alle prossime elezioni svegliatevi! No PDL, No DS, no terzo polo! Piuttosto perchè non fondiamo noi un partito, fatto di gente comune che sa cos'è la fatica?