lunedì 23 aprile 2012

La grande truffa dei sondaggi elettorali

Il PD rappresenta solo il 15 % dei cittadini aventi diritto al voto. Il PDL rappresenta solo il 10% dei cittadini aventi diritto al voto. Il Terzo Polo rappresenta solo il 4,5% dei cittadini aventi diritto al voto. E a seguire tutti gli altri con le percentuali almeno dimezzate rispetto a quelle che ci forniscono le rilevazioni. Questo vuol dire che il governo Monti si regge con il consenso di solo il 29,5 % di rappresentanza degli italiani. Ecco dove sta il trucco.
Fin da quando ero piccolo mi hanno insegnato che se si esprimono dati in percentuale la somma deve fare sempre e solo 100. Nei sondaggi che ci vengono presentati dalle agenzie di rilevazione commissionate a vario titolo dagli stessi partiti e dai media compiacenti la regola di cui sopra non esiste e nel migliore dei casi fa 150. Infatti che cosa fanno questi rilevatori: ti dicono che oltre il 50 % degli italiani, quindi le percentuali dei partiti espresse sopra sono per eccesso, dichiara di non voler andare a  votare (35%), di votare scheda bianca (5%), di essere indeciso (15%); poi sussurrano, quasi non dicono, che le percentuali espresse per i partiti si riferiscono solamente a coloro che hanno espresso intenzione di volerne votare uno, ossia ricostruiscono le percentuali su questo panel che rappresenta meno del 50% degli italiani presentandolo quindi come se fosse rappresentativo della totalità degli italiani stessi. E questo succede anche quando ci danno le percentuali  dopo le elezioni che vengono calcolate non sul 100% degli italiani aventi diritto al voto, ma solo sul totale di coloro che hanno effettivamente votato. La tragicomica del “rimborso elettorale”, a prescindere dalla sua truffa di fondo, è che l’ottantacinque per cento degli italiani deve pagare per il PD di cui non gliene frega nulla se non addirittura lo odia, che il 90% deve pagare per il PDL …….idem come sopra, e via dicendo per gli altri. E hanno il coraggio della loro faccia da partiti, nel senso di già andati all’estero coi nostri soldi, di parlare di democrazia e accusare chi gli contesta la truffa di antipolitica.
(da "infoxresistere")

3 commenti:

Sa ha detto...

vero, il partito più grande è quello del "non voto", ma non se ne rendono conto..io farei tutto a percentuale: stipendi, num. di parlamentari, rimborsi (che per me si dovrebbero azzerare) in base all'affluenza..
gli italiani hanno le palle piene di questi ladri legalizzati

Pinuccio, marittimo, leghista romano disadattato ha detto...

Un tizio dal nick presuntuosetto , tale "liberodipensare", scrisse su questo blog che berlusconi aveva ricevuto 2 preferenze su 10 italiani.
Il ragionamento che lui segui è probabile sia stato lo stesso che qui s.t. ci illustra.
Peccato che sono sempre i migliori a lasciarci.

Pinuccio, marittimo, leghista romano disadattato ha detto...

"liberodipensare" si riferiva al momento glorioso e fulgido del ex Forza Italia e poi PDL ..ed ora pure ex, per un nick del partito che avrà comunque il termine 'Italia' sul tipo "dacci dentro Italia" o "Italia siamo con te" o "Italia con noi cambierà tutto". Vabbè, andiamo avanti!! cosi, Craxi ci osserva e da il suo placet.
Ora, tenendo conto di quanto riportano i sondaggi effettivamente questo articolo riflette l' esatta realtà delle volontà degli italiani, in attrito con quanto in moneta i partiti fregano. Ma pure, napolitano ci consiglia come un padre di non demonizzare i partiti perchè con questi lui, il presidente e gli altri al carro hanno sempre convissuto e mangiato. E pure i cavalli e cavalieri al seguito