domenica 8 aprile 2012

per il Trota si avvicinano le dimissioni, la Minetti invece gode il sole di Sharm El Sheikh

Mentre il suo collega Renzo Bossi, detto il trota, è alla prese con la rivolta della base della Lega, che esige la sua rimozione immediata e le dimissioni da Consigliere Regionale, c'è un'altra "onorevole" rappresentante del parlamentino lombardo che, malgrado le accuse di induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, invece di preoccuparsi del destino dei suoi elettori lombardi, della crisi economica che attanaglia il nostro paese, è in queste ore sulle calde spiagge di sharm El Sheikh a godersi il sole e il mare.
Poi dicono alla gente che bisogna stringere la cinghia e fare sacrifici: questi personaggi dal Trota alla Minetti, non lavoreranno mai un giorno nella loro vita ed hanno anche la pensione garantita.
Poi c'è qualcuno che si chiede per quale motivo nel paese cresce ogni giorno sempre di più l'odio contro la casta

6 commenti:

ilcondorpassa ha detto...

La CASTA e le altre CASTE, hanno i giorni contati e fanno finta di niente.

zeppo ha detto...

con quel corpo da T.O.A trovare soldi per le vacanze non è un problema

alessandro ha detto...

Purtroppo le caste esisteranno sempre, non illudiamoci che qualche scandalo possa far cambiare le cose. Poi non sembra ma uno scandalo nuovo serve a far quasi dimenticare quello appena successo.

sensei ha detto...

http://www.lavocedellevoci.it/inchieste1.php?id=191

skorpippo ha detto...

Con la faccia da TROTA quello s'è comportato da SQUALETTO.

Kalsifer ha detto...

Sul fatto che non "lavoreranno mai un giorno" aspettarei ad esserne sicuro. Grossi cambiamenti pare siano alle porte e la Giustizia, (quella vera, quella non imposta da Giudici corrotti e da una Legge non uguale per tutti) anche se apparentemente sembra fare giri immenso, alla fine arriverà.