giovedì 12 luglio 2012

Il gioco delle tre carte: a Parma il sindaco grillino taglia le indennità ma aumenta i rimborsi per sé e la sua giunta



Sembra quasi il gioco delle tre carte: dopo il taglio annunciato in pompa magna di 15.000 euro alla voce ""indennità di carica, oneri vari e contributi per gli amministratori", la Giunta Pizzarotti aumenta di 15mila euro il fondo riservato al rimborso delle spese e alle indennità di missione degli amministratori. Nella delibera del 28 giugno scorso a firma del delegato al Bilancio Gino Capelli, che stabilisce una variazione al piano esecutivo di gestione (Peg) per il 2012 del Comune. In particolare, si legge nel documento, “per integrare i fondi necessari al rimborso spese e indennità degli amministratori” vengono inseriti 15 mila euro al capitolo “organi istituzionali: rimborso spese forzose e indennità di missione a sindaco e assessori”. 

Insomma, alla fine niente tagli o variazioni di bilancio. il motto del principe di Salina "tutta cambia, perchè nulla cambi" sembra purtroppo valere ancora oggi.
Non vorremmo però urtare gli entusiastici sostenitori del movimento 5 stelle e possiamo pur sempre sperare che si sia trattato solo di un incidente di percorso.
Infatti, sempre in tema di tagli, ieri il sindaco aveva sostenuto che in materia di consulenze esterne la sua giunta sarebbe riuscita a risparmiare oltre 250mila euro e che sarebbe stata in tal modo quella meno costosa rispetto a quelle precedenti. Alcuni suoi sostenitori, presi dall'entusiasmo, avevano erroneamente decuplicato questa cifra, propagandandola sul Web mettendoci uno zero in più.
Vedremo come andrà a finire...  


fonte: http://www.parmasera.it/politica-cittadina/giunta-pizzarotti-sale-di%2015mila-euro-la-quota-per-trasferte-e-indennita-degli-assessori.jspurl?IdC=1618&IdS=1618&tipo_padre=0&tipo_cliccato=0&id_prodotto=24830&tipo=0&css&com=c

p.s.=  sul sito del comune di Parma è stata pubblicata la replica del sindaco che qui riportiamo integralmente: “La delibera passata il 28 giugno scorso, e a firma del delegato al Bilancio assessore Gino Capelli – ha detto il sindaco -, altro non è che il budget massimo di spesa, semestrale, per il rimborso spese degli assessori.
 Nel 2011, tale fondo messo a bilancio, consisteva in 30 mila euro annuali.
 È dunque insensato sostenere che la Giunta abbia aumentato le indennità relative agli assessori, per due motivi principali: il primo è che abbiamo mantenuto il fondo già esistente, dividendolo in due semestralità, e il secondo è che, essendo un budget di massima spesa, non necessariamente verrà utilizzato nella sua totalità”.

7 commenti:

ben10 ha detto...

huei Pizza non scherziamo che le pentole sono sempre pronte

aX ha detto...

scusate, ma prima di scrivere articoli vi informate un minimo? bastano due ricerchino su internet ed evitereste set figuracce.
1) aumento di 15000 euro sulle indennità... falso, i soldi sono stati tagliati da altra voce quindi il saldo è 0, tra l'altro è obbligatorio per legge istituire quel fondo. E' stato meno fazioso il tgcom che almeno conclude l'articolo con "In realtà, a bilancio, non ci saranno variazioni. Altri 15mila euro, infatti, sono stati tagliati alla voce "indennità di carica, oneri vari e contributi per gli amministratori". Il saldo, quindi, resta invariato. La modifica allo stanziamento dei fondi è contenuta in una delibera del 28 giugno"
2) i 250.000 euro all'anno di risparmio sono solo per la giunta
3) i 2.500.000 euro annui circa su cui fate ironia sono i risparmi rispetto alla giunta precedente riguardo agli assunti ex art. 90 e 110 (ovvero amici assunti a gogo per cifre assurde) che nella precedente amministrazione erano 50 e ora sono 2 e arriveranno massimo a 4 e con stipendi normali (ad esempio il portavoce 1600 euro al mese invece che ad esempio 187.000 euro l'anno come quello del buon Fassino)
http://www.parmarating.it/Rating/Dettaglio.aspx?XRI=56196&XRE=RTP

Un mínimo di informazione prima di scrivere baggianate sarebbe doverosa

itaca ha detto...

Caro sindaco, sono uno di quelli che da Rimini si sono portati in quel di Parma per darti manforte, per rinvigorire i molti a cui cominciavano a difettare forza e fiducia, parlare con gli avverari (celeberrima, ormai, la frase da me rivolta ai fans del tuo avversario: "forza ragazzi, ancora sette giorni e poi, finalmente, andrete tutti a casa per un giusto riposo". Stavano per stringermi la mano ma poi, in virtù della conclusione della frase, l'hanno ritirata in fretta. Ora, a parte gli aneddoti, Osservo uno cosa gravissima e che ti intimo di correggere al più presto. Siccome vige la norma che ognuno degli eletti, e perciò anche tu, rispondi ai cittadini e non a coloro che ti hanno dato tutto per raggiungere non il tuo obiettivo, ma quello del M5S, ti prego di risolvere in fretta tutte le contraddizioni che in queste ultime settimane stanno pesando in modo anomalo sui nostri detini. Parlo del fatto che mentre uno degli insignificanti attivisti di una sperduta cittadina di dove vuoi tu, si spende ogni giorno per acquisire consensi e fiducia nel Movimento, cioè io, tu, con la tua non politica, nel giro di un paio di settimana sei riuscito a invertire il trend di crescita che da mesi ci vedere in crescita vertiginosa, tanto che Beppe aveva scritto un post proprio sulla necessità che gli altri non facessero così tanti errori per non farci crescere a quel ritmo. Ebbene dove hanno fallito gli altri, pare che tu ci stia riuscendo alla grande. C'è soltanto un piccolo particolare: tu e i tuoi "fenomeni" non avete questo diritto, cioè, quello di demolire quello che altri con grande fatica e con sforzi immani cercano di costruire da sempre: una grandissima forza politica per il governo del Paese. Se non avete le capacità, i mezzi, l'intelligenza politica, la prerogativa di servire i cittadini, l'immediatezza del divenire, ebbene, come Grillo ha sempre conclamato, saranno gli stessi cittadini a essere giudici. E io da cittadino vi dico: il tempo è scaduto, o vi muovete a dare sengali forti e chiari, oppure, a mio modesto modo di vedere, portate i libri in tribunale! Non avete alcun diritto di danneggiare oltre quello che altri, ripeto, con grandi fatiche, hanno creato. Italo Carbonara - M5S Rimini

aX ha detto...

@Itaca, potresti elencare le gravi contraddizioni di cui sarebbe responsabile il sindaco di Parma?
Perché se ti riferisci pure tu ad articoli come quello su cui stiamo commentando mi cascano le p....

ufalc ha detto...

ma questo chi ha come investigatore? topolino? ma le vada via al ...... informati bene prima di parlare.
Al momento l’amministrazione Pizzarotti ha assunto n.2 figure di cui una in qualità di portavoce del sindaco (Marcello Frigeri) ed un collaboratore dell’assessorato allo sport.
Stimando un costo medio di circa 55.000 euro all’anno per un contratto a chiamata (nel 2009 si passava da incarichi dirigenziali da 228.000 euro per il direttore generale, ai 145.000 di Costanzo Cristiano, ai 140.000 di Gargantini Andrea, ai 121.000 di Moruzzi Emanuele, ai 119.000 di Parravicini Dario, - leggi compensi dei dirigenti a tempo determinato TD del 2009 -… ad importi inferiori) il risparmio per la mancata presenza nella pianta organica di queste 48 figure è calcolato in circa 2.640.000 euro all’anno.

Pisenti ha detto...

L’uomo è uno scolaro e il ladrocinio è il suo maestro.

Roberto Foglino ha detto...

Il blog "i segreti della casta" chiaramente non sa leggere i bilanci, visto che la variazione di bilancio non è stata in aumento, ma è una variazione di bilancio dettata da una semplice suddivisione in 2 semestralità del fondo annuale, che permette con 6 mesi di anticipo di riutilizzare le somme messe nel fondo e non spese.
Replica di Pizzarotti http://www.comune.parma.it/notizie/news/FAMIGLIA+E+PERSONA/2012-07-12/Rimborso-assessori-di-15-mila-euro--la-replica-del-sindaco-Federico-Pizzarotti.aspx