giovedì 22 settembre 2011

15 ottobre l'indignazione in piazza: report riunione preparatoria

VERSO IL 15 OTTOBRE GIORNATA EUROPEA E INTERNAZIONALE DI MOBILITAZIONE

Decisioni prese nella riunione del Coordinamento 15 ottobre nella riunione del 21 settembre
Prossima riunione a Roma martedì 27 settembre in via dei Monti di Pietralata 16
10.30-13.30 riunione dei due gruppi di lavoro: comunicazione e corteo
14.00-17.00 riunione del Coordinamento
La riunione di martedì prossimo approverà in via definitiva il comunicato che trovate qui di seguito e in allegato.
Il testo è  stato discusso nella riunione di oggi.
Verrà approvato dopo aver sciolto due nodi (sul titolo/slogan della manifestazione e sull’arrivo del corteo) su cui per arrivare a un consenso pieno si è deciso di prendere qualche giorno di tempo.
Si è deciso di dare vita a due gruppi di lavoro del Coordinamento:
1) Comunicazione: nella sua prima riunione il gruppo farà una proposta da approvare nel Coordinamento in merito alle cose relative alla comunicazione che dovranno essere trattate unitariamente e alla metodologia per farlo. Nella riunione sono stati enunciati i seguenti ambiti di possibile lavoro: mailing list e mail dedicata del Coordinamento, blog, uso dei social network e comunicazione virale per le comunicazioni unitarie del Coordinamento.
C’è una discussione in merito all’utilità di avere un ufficio stampa unitario del Coordinamento.
Questa sarà una manifestazione-convergenza, a ciò bisogna adeguare in modo innovativo le forme della comunicazione.
2) Manifestazione: il gruppo si occuperà dei contatti con la Questura, delle possibili facilitazioni per i viaggi verso Roma, e preparerà la discussione nel Coordinamento in merito alle modalità del corteo, al suo arrivo, alla gestione unitaria della piazza di arrivo sulla base della discussione avvenuta nella riunione del 21 settembre. Poiché la ragione del Coordinamento è preparare la manifestazione-convergenza, è evidente che le scelte sul corteo, dal momento di partenza fino all’arrivo, dovranno essere consensuali e condivise, con trasparenza e responsabilità, fra gli aderenti al Coordinamento.
Le persone interessate a far parte di questi gruppi di lavoro possono direttamente presentarsi alle riunioni di martedì.

Ecco il comunicato discusso oggi e che sarà sottoposto all’approvazione nella riunione di martedì:


PEOPLE OF EUROPE, RISE UP
Cambiare l’Italia, cambiare l’Europa
Il Coordinamento 15 ottobre invita a costruire in tutto il territorio la partecipazione italiana alla giornata europea e internazionale “United for global change” e a convergere nella manifestazione nazionale di Roma.
La giornata del 15 vedrà mobilitazioni in tutta Europa, nel Mediterraneo e in altre regioni del mondo, contro la distruzione dei diritti, dei beni comuni, del lavoro e della democrazia compiuta, contro le politiche anticrisi a difesa dei profitti e della speculazione finanziaria.
Anche in Italia è già stata raccolta da tanti soggetti organizzati, alleanze sociali, gruppi informali e persone. Non vogliamo fare un passo di più verso il baratro in cui l’Europa e l’Italia si stanno dirigendo e che la manovra del Governo continua ad avvicinare.
Vogliamo un’altra economia, un’altra società e una democrazia vera.
Il Coordinamento 15 ottobre si mette al servizio della riuscita della mobilitazione.
Curerà unitariamente le caratteristiche, la logistica e l’organizzazione della manifestazione nazionale di Roma e ne definirà le sue parti comuni.
Il suo obiettivo è favorire la massima inclusione, convergenza, convivenza e cooperazione delle molteplici e plurali forze sociali, reti, energie individuali e collettive che stanno preparando e prepareranno la mobilitazione con i propri appelli, le proprie alleanze, i propri contenuti.
Ci impegniamo insieme a costruire una manifestazione partecipata, pacifica, inclusiva, plurale e di massa, il cui obiettivo è raccogliere e dare massimo spazio alla opposizione popolare, alle lotte e alle pratiche alternative diffuse nel nostro paese.
La manifestazione partirà alle ore 14.00 da Piazza Esedra e arriverà a Piazza San Giovanni.
Sarà una tappa della ripresa di spazio pubblico di mobilitazione permanente, come si sta realizzando in tutta Europa e nel Mediterraneo, che è necessario mettere in campo per cambiare l’Italia e il nostro continente.
Invitiamo i cittadini e le cittadine, nativi e migranti, i soggetti organizzati, i gruppi, le reti formali e informali a partecipare attivamente al 15 ottobre, a coinvolgere le proprie comunità, a organizzare la partecipazione al corteo di Roma.
Coordinamento 15 ottobre

16 commenti:

L'intruso ha detto...

Lo seguiremo anche noi di Notizie del futuro

Informazione indignata solo su http://notiziedelfuturo.blogspot.com

JD ha detto...

lo stato guadagna 100 euro per ogni lavoratore che sciopera. a cosa serve una giornata? non servono più gli scioperi, non c'è più nulla su cui discutere. è tutto chiaro, dobbiamo solo chiarire come agire per non morire nella merda.

Mr. Tambourine ha detto...

Quante persone si prevedono?


www.ciclofrenia.it

Lapenna Daniele ha detto...

E che si ottiene se le attività rimangono aperte????
Se sciopera chi è disoccupato, chi è studente,
o chi ha qualche sua attività??
Che cavolo si ottiene????
Un CACCHIO!!!!

Lo sciopero fatto l'anno scorso in Grecia è
un SIGNOR SCIOPERO!!!
TUTTO CHIUSO tranne qualche autobus in giro.
Attività CHIUSE significa perdita sì per il datore di lavoro e lavoratori, ma è anche perdita per lo Stato!
QUESTO sarebbe un segnale FORTE!!!

Con uno sciopero così ci si sciacqua le budella.
Poi finchè c'è chi ragione per "destra" o "sinistra", non cambierà mai un CACCHIO!

Stefano ha detto...

Autobus da Bari?

stefanoDG ha detto...

scusate ma perche' vi preoccupate di quanto perde o guadagna lo stato?
lo stato siamo smpre noi e non quelli li sopra che stanno rovinando il paese.
si deve scioperare in tantissimi per fargli capire che non possono continuare a fare le loro porcate.
e non ci dobbiamo domandare quante persone sono previste ma dobbiamo solo domandarci se noi ci possiamo andare. non aspettiamo gli altri.

Spidertruman ha detto...

Anche da bari. Ma ancora presto per dettagli

carino74c ha detto...

caro Spider giusto per essere chiari...ho visto che la tua maschera fa riferimento a Guy Fawkes.. ma per caso anche tu cerchi vendetta come lui? grazie

RondoneR ha detto...

Il RondoneR ci sarà, e che non sia una delusione come fu il V-Day di Grillo, mi raccomando...

http://transenna.splinder.com/post/13780221/lotto-settembre-e-le-botte-in-bianco

barbaranotav ha detto...

Il suo obiettivo è favorire la massima inclusione, convergenza, convivenza e cooperazione delle molteplici e plurali forze sociali, reti, energie individuali e collettive che stanno preparando e prepareranno la mobilitazione con i propri appelli, le proprie alleanze, i propri contenuti. "

seh immagino, è già capitato un tentatvio del genere di lottta inclusiva...ci pensò Kossiga...
mah..

Marica A Sud ha detto...

IMPORTANTE!!
carissimo spider,
sono marica di pierri di A Sud, c'è la mia mail nel report mandato dall'arci ma è un riferimento interno per coordinare l'area comunicazione. NON VA PUBBLICATO!! da ieri mi hanno scritto centinaia di persone per chiedermi informazioni logistiche che non ho o fare ragionamenti filosofici dei quali faccio volentieri a meno. La mia è una mano di servizio, appena avremo un blog con tutte le info sulla giornata (anche quelle logistiche) ne diffonderemo immediatamente l'indirizzo, lo stesso faremo con il contatto del coordinamento ufficio stampa. togli per favore nel frattempo la mia mail dal post perchè la mia già sovraccarica mail sta definitivamente impazzendo. sicura che capirai, ti ringrazio

Lapenna Daniele ha detto...

@stefanoDG

Sì dici benissimo quando scrivi
"lo Stato SIAMO NOI"!
Però .... in parte!

Se un'azienda guadagna 100,
tutti noi ne guadagnamo,
ma ne guadagna di più lo Stato in percentuale!

Ho scritto dello sciopero della Grecia perchè mi è sembrato l' evento più importante di rivolta dell' ultimo anno (sempre se la memoria non mi fa cilecca!).

Quando sento pensieri di persone che parlano di "identità politiche" , "comunista!",
ecc... penso che l' Italia per unirsi deve fare un GRANDISSIMO sforzo.
L' Italia prima era un insieme di piccoli Stati, ognuno è cresciuto alla sua maniera.
Poi TRE Stati: Nord, Sud, e Isole.
Ognuno si sente "del Nord", "del Sud"
"mi sento isolano! Il continente non mi appartiene".
Ovviamente SENZA FARE DI TUTTA L'ERBA UN FASCIO,
ma queste sono REALTA'.

earned.biz ha detto...

è più bello il programma che pubblicate su indimedia:

Immagino sarà una manifestazione pacifica...

Compagn@ tutt@:
sapete già che il 15 Ottobre prox 2011 a Roma si terrà la manifestazione contro il sistema, e lo specifico è proprio questo:
L'occasione è unica; a Roma si troveranno centinaia di migliaia di persone anche se tutti i media di stato censurano e non dicono nulla di ciò. SICURAMENTE le FORZE di POLIZIA ci ATTACCHERANNO anche non dovesse esserci il minimo intento conflittuale (che comunque ci sarà e DEVE ESSERCI da parte nostra): dobbiamo tutti,COMBATTERE !!!!!
Non come a Gneova nel 2001 ! Non come il 14 Dicembre 2010 !
Non dobbiamo fermarci ! Portare con se' di "tutto" per PRENDERE e TENERE la 'PIAZZA' ! Se ci accoppano dei compagni non paralizziamoci, non diamo in isterismi ma rispondiamo colpo su colpo !
Dobbiamo creare un governo provvisorio popolare.

...auguri...

It's possible to love someone ha detto...

E tu pensi forse che delle persone come noi che cercano di portare la democrazia e la non violenza sarebbero capaci di scrivere il testo che tu hai appena pubblicato?? Una o piu persone che si informano e che finalmente decidono di mettersi in gioco realmente e in prima persona mettendoci la faccia, secondo te sarebbero in grado di stilare un testo cosi tanto grammaticalmente scorretto, privo di un messaggio unitario, e sopratutto dove si incita la violenza?? I punti salienti del VERO programma sono stati scritti proprio per far capire a tutti che la disinformazione/ignoranza, il disaccordo e la disorganicità, e sopratutto la rabbia verso gli altri ci porta al non arrivare a nulla come gia è successo in passato!Ad essere schiavi di questi "padroni" che ci tengono a guinzaglio come cani se ci comportiamo come asserisci tu,ovvero ciò che vogliono i "burattinai", mentre invece il programma della manifestazione dice proprio a chiare lettere quale è il modo per riuscire a spezzare le catene che ci hanno messo ai polsi e alle caviglie. Io credo che tu sia uno di quei tanti "troll" che si immettono in questi discorsi solamente per far battibeccare le persone anzi che farle organizzare, uno di quelli che non ha nemmeno riportato un documento tangibile del dove abbia preso queste parole, ma cosa ancora peggiore una di quelle persone che la stanno portando a picco l Italia...

Bram! ha detto...

Corteo pacifico con LANCIO DI CARTA IGIENICA a Montecitorio?..
Basta consegnare i facinorosi alla polizia, SENZA SCONTI.
Come faremmo se non fossimo in un corteo. Come funziona in un paese che funziona.

Davide ha detto...

Io vengo dalla Sardegna, ci saranno dei pullman da civitavecchia?